Pagine

sabato 28 luglio 2007

Desir-Variations for Orchestra

"Desir-Variations" per orchestra - su un tema di A. Scriabin
composed by Alessandro Palazzani - 2005

Il tema su cui si basa questo set di variazioni è un piccolo pezzo per pianoforte solo di Alexander Scriabin, compositore russo vissuto a cavallo fra '800 e '900, nella cui opera si fondono retaggi del romanticismo ottocentesco, decadentismo estetizzante e innovazioni tipiche d'inizio secolo. Potete ascoltare "Desir" qui.


Le mie variazioni sono così organizzate:        PLAY

Introduzione - Adagio Misterioso
Tema - Allegretto (A.Scriabin op.57 n.1-Desir)
Variazione 1 - Andante (tritoni)
Variazione 2 - Allegro (fughetta)
Variazione 3 - Moderato (bolero spagnolo)
Variazione 4 - Adagio Appassionato (romantica)
Variazione 5 - Solenne, alla Marcia (apoteosi)

l'orchestra è costituita da:
2 flauti - 2 oboi (II anche corno inglese)
2 clarinetti in sib - 2 fagotti
2 corni in fa - 2 trombe in do
arpa - archi

Creative Commons License



Desir-Variations for Orchestra by
Alessandro Palazzani is licensed under a
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.

venerdì 20 luglio 2007

"Spring Night" per quartetto d'archi


Scrissi questo quartetto a 21 anni, quando frequentavo il terzo anno di conservatorio. Pur essendo una delle mie prime composizioni "impegnate" presenta già caratteristiche tipiche del mio stile, come la densa elaborazione di piccoli nuclei tematici e le melodie costruite sull'alternanza di poche note. Rispetto a opere seguenti Spring Night è sicuramente di meno facile ascolto, dato l'aspro e complesso uso della dissonanza; non rinuncia tuttavia a parentesi liriche e la forma regolare ne facilita la comprensione.


video


Il brano si compone di tre movimenti senza soluzione di continuità: la prima parte, uno scherzo con trio, è caratteristico per l'ampio uso del pizzicato e di ostinati ritmici. Segue un adagio piuttosto melodico, incorniciato dalle cadenze del violino prima e del violoncello poi. Termina l'opera una fuga che ripropone nel suo contrappunto tutti gli elementi delle sezioni precedenti.


Creative Commons License



Spring Night by
Alessandro Palazzani is licensed under a
Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 2.5 Italy License.

Cantata "Der Herr ist mein getreuer Hirt"




Quest'opera, scritta nello stile di Bach, comprende un grande organico strumentale: agli archi si affiancano l'organo - che esegue il basso continuo, due flauti dolci - nella registrazione sono però traversi, una viola da gamba e le voci: un soprano solista e un coro a quattro voci - nell'esecuzione le voci sono tutte soliste.
Tutti i brani che compongono l'opera sono stati composti facendo riferimento ad un corale luterano, trattandolo contrappuntisticamente, armonizzandolo e facendo derivare da esso le diverse melodie, secondo una prassi tipica nella musica barocca.


1. CORO
Nella forma di un preludio-corale la melodia originale, cantata dal soprano, viene ornata contrappuntisticamente dalle altre voci ed intervallata da un ritornello strumentale.

2. ARIA
Il ritmo composto e la presenza dei due flauti concertanti attribuiscono a quest'aria uno spiccato carattere pastorale.

3. FUGA
Per coro e archi, questa fuga a due soggetti rappresenta il cuore concettuale della cantata, sia dal punto di vista del contenuto musicale che letterario.

4. RECITATIVO
Recitativo accompagnato di grande tensione emotiva.

5. ARIA
La voce e la viola da gamba gareggiano nel virtuosismo di quest'aria. I due violini incorniciano le varie sezioni del brano.

6. CORALE e FUGA
Dopo il corale nella sua forma originale una fuga allegra e brillante sulla parola Alleluja conclude la cantata.

Creative Commons License


Cantata Der Herr ist mein getreuer Hirt by
AlessandroPalazzani is licensed under a
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.

Concertino per Pianoforte e Archi



Questo piccolo concerto da camera per pianoforte solista e quintetto d'archi è stato scritto nel 2004 per il pianista Massimiliano Motterle (nella foto), interprete della registrazione.
In un unico movimento, il brano è composto da quattro sezioni che si succedono senza soluzione di continuità: dopo l'esposizione introduttiva del tema principale si svolge un ampio adagio con variazioni del pianoforte e un assolo del violoncello. Segue la sezione di sviluppo del tema principale culminante con la cadenza del piano. A conclusione dell'opera, dopo una riesposizione del tema principale al violino solo e una trionfale riapparizione dell'adagio, una brillante coda permette al solista di esibire ancora una volta il suo virtuosismo.
video



Creative Commons License



Concertino for Piano and Strings by
AlessandroPalazzani is licensed under a
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.

mercoledì 18 luglio 2007

Trio degli Scherzi


video

Ascoltate questa composizione per trio d'archi. L'ho intitolata Trio degli scherzi perche il primo e il terzo movimento sono appunto in forma di scherzo. Il movimento centrale è invece un lirico notturno, interrotto da una sezione un po' scherzosa, tanto per mantenere il filo conduttore.


Creative Commons License



Trio degli Scherzi by
AlessandroPalazzani is licensed under a
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.